Il Prodigio di Dal Lago

Dopo la cover di Mario Labieni per l’edizione limitata di Prodigium – L’Acropoli delle Ombre, è tempo di svelare quella della versione ufficiale, firmata Alberto Dal Lago, dell’edizione definitiva in uscita i primi mesi del 2010. Se volete c’è anche un resoconto da parte di Asengard Edizioni.
Che ne pensate di questa copertina?

30 Comments

  1. Ah, il tizio in copertina si chiama Ravnakor, per chi non lo sapesse. La positività non è il suo mestiere 🙂

  2. Scherzi a parte… ribadisco che FB è una MERDA per la qualità delle immagini (e riporto la stessa opinione di qualche mio collega d'oltreoceano): sono più slavate, desaturate e hanno quel fastidioso effetto "thumbnail" tipico delle immagini a low-res. Tu l'hai vista nascere e ti ricordi la versione definitiva high res.Quindi il tuo parere non conta!!! 😛

  3. sì è decisamente Ravnakor. peccato che non si veda la cicatrice sullo zigomo sinistro.
    è bello, vero?
    peccato che…

  4. Ah no, la cover è tutta maestria di Alberto.Mio merito (e quello dell'editore, ovviamente) aver dato un buon soggetto che rientrava nelle corde del DJ albertino, come dice P8.

  5. se posso permettere una piccola critica….apparte che questa illustrzione è uno spettacolo, come ovviamente tutti ci aspettiamo da mister Dal Lago….ma ricorda molto Elric di Melnibonè seduto sul trono di giada che impugna la Stormbringer.

  6. Grazie a tutti!.. Ma senti questi… poi mi imbarazzo! ^_^ Rivolgo lo stesso ringraziamento a Francesco e Edoardo (l'editore)che, per l'appunto, hanno centrato il soggetto della cover. Loro era il brief e loro l'idea, io non ho fatto altro che eseguire…! :)@Emiliano: ti credo sulla parola, pur non conoscendo l'universo di Moorcock! In effetti è una postura plurisfruttata nelle illustrazioni… ma il paragone mi onora! :P@Silvia; Nogara, ma tu VUOI proprio che ti offra da bere, allora! ;))

Lascia un Commento sull'articolo: