Twilight

Mentre atterravo a Helsinki, il panorama non prometteva nulla di buono. Pianure sbiancate dalla brina, lagune semighiacciate, natura morta che si disperdeva in boschi privi di colore. Aria congelata a  -2°C. Poteva andar peggio. Sono uscito dall’aeroporto, mi sono ricreduto. Non tirava un filo di vento, il freddo era secco. Più sopportabile di quello di Roma. Vado verso l’albergo con il taxi, e assisto a una scena stupenda.
Il cielo è terso e neppure una nuvola lo inquina. L’aria cristallina relega a un ricordo distorto l’aria delle nostre città, carica di smog. Dietro di me, l’oscurità galoppa sulla volta celesta. L’orizzonte opposto invece, è una ferita rosso sangue. Una tinta forte, brillante, unica. Una gettata di lava vivida.
Il sole ci abbandona alle 3.30pm. La sera, ottima cena al FishMarket, pare uno dei 50 migliori ristoranti di Helsinki. I prezzi non li ricordo, tanto contengono zeri che vanno al di là della mia immaginazione. Che importa, Nokia deve trattare bene i suoi customers. Comunque, tiro un fiato di sollievo, stavolta non mi avventerò su nessuna povera Renna. Ovvio, farò razzia del Mare del Nord. Pace, siamo carnivori. E comunque gamberoni, ostriche e aragoste non mi ispirano simpatia. Troppo tentacolose, viscide e filamentose. Morite in silenzio per una buona causa, quindi. E fuori la temperatura è scesa a -6°C.

Oggi, giornata piena di meeting. Del sole neppure l’ombra. Mi correggo, da qualche parte deve pur esserci, forse nascosto dietro una cortina densa di nubi. E qui nasce lo spoiler di Estasia 2: sono forse tornato nel Mondo del Crepuscolo Errante?
Un crepuscolo perenne, una luce tenue e soffusa illumina il grigiore del cielo.
Il mio cielo cambia. La natura è più imprevedibile di quanto abbia mai pensato. E forse è questa unicità a renderla così bella e affascinante.
Basta saperla cogliere.

25 Comments

  1. sono contenta..che hai raggiunto un piccolo grado di popolarita..ma ..nn è qll la cosa importante…

    qll importante…è che il libro venga letto..!

    come ho fatto io!!!!!!!!!!!!

    AngiOLeTtO

  2. X Angioletto: Sì, quello è l’obiettivo primario. La vera gioia è sapere che una mia storia venga letta e sia capace di donare un’emozione. Ovvio, non è sempre rosa e fiori. Capitano le critiche negative, più o meno costruttive.

    Ma anche questo fa parte del gioco. 🙂

  3. Fra vogliamo le foto! ;P avrai un cellulare dotato di macchina fotografica con almeno 675 megapixel no? ;PPP dai mi accontento anche se sono ad 1.3.. sono felice per le renne.. 😀

    e per te ovviamente visto che pare vada tutto bene, cibo compreso!

    A presto!

  4. Oibò il titolo del post coincide col titolo del libro che sto leggendo 😀

    Per il resto quoto Joy, vogliamo le foto del paesaggio e anche quelle della renna prima e dopo i pasti, così tanto per essere sicuri 😛

  5. ho letto la meyer, l’ho trovata piacevole anche se non eccezionale. Specie il primo libro, decanta un pò troppo la perfezione di edward, credo non possa sfuggire il fatto che sia bello veh?

  6. bah! non ho MAI dubitato della bellezza dei cieli nordici, IO!!! tantomeno mi sarei MAI fatta spaventare dal freddo, IO!!!

    e di certo non avrei MAI detto che gamberoni e aragoste sono viscidi (???), tentacolosi (???) e filamentosi (???) … IO!!!

    ORA, mi rivolgo al signor rappresentante di nokia italia, (in questo momento sono in ginocchio) illustrissimo signor rappresentante della nokia italia, potrebbe selezionare con maggior scrupolosità i dipendenti che decide di inviare all’estero? mi spiego: non credo che l’italia (paese dalla grande cultura marinara nonchè culinaria) faccia bella figura all’estero, quando un italiano scambia aragoste per polipi o gamberi per calamari. insomma se proprio ce li vuole mandare i suoi dipendenti affetti da labirintite culinaria, faccia pure, ma almeno gli procuri un pranzo al sacco o una tessera per l’happy meal!

    fra: che ci riporti?

  7. Senti cara, mettila come ti pare, secondo me è roba viscida.

    Infatti stasera ho gustato messicano. W LA CARNE!! Abbasso i molluschi sciacquosi!!

    Cìars,

    Ice-Frengho.

  8. Mmm no, no, no, quoto il loro essere viscidi, tentacolosi, filamentosi e aggiungerei zampettosi e occhiosi!!!

    E poi VIVA IL CALDO!!!

  9. si vede che stai bene tu…ih ih sempre in giro per il mondo…

    Buona giornata freddolosa..

    A pro..il mio caminetto va che è una meraviglia….ih ih

  10. Al tuo grido “W LA CARNE!” le renne, per la paura, sono emigrate in Africa :D!

    Quanto ti invidio Fra… anch’io voglio vedere Helsinki! Tanto qui fa freddo uguale…

    Francesca*

    @ Naeel: alle 21.15? Ci verrei volentieri! Ma come tornerei a casa? Gli autobus non ci sarano più e io non ho la disponibilità della macchina… 🙁

  11. Si infatti qui fa freddo uguale, 3 gradi massimo almeno qui da me.. ma il freddo non é un problema no Fra? come diceva qualcuno, meglio avere il culo gelato che un gelato nel… ;P

    Ma quando torni?

    Fooooto!

  12. Questa mattina su Euronews parlavano di un gruppo di Renne estremiste e ribelli che stanno causando il panico proprio nella zona di Helsinki. In un filmato il capo delle Renne Ribelli, una vecchia renna barbuta con un kalashnikov al fianco ha detto: “Fermeremo questa strage insensata e lo faremo con qualsiasi mezzo, combattiamo per una giusta causa, la nostra é una guerra sacrosanta”

    Pare che folti gruppi di Renne si aggirino per la città, mettendo a soqquadro qualsiasi ristorante dove si serva carne di Renna e portando via con la forza poveri indifesi esseri umani. Ancora non sono state comunicate le condizioni di rilascio, “la situazione é sotto controllo, stiamo avviando le trattative” fa sapere il governo Finlandese. La Farnesina intanto ci informa che tra i rapiti potrebbe esserci anche un Italiano, alcuni clienti di un ristorante riusciti a scampare all’assalto hanno infatti riferito di un uomo che mentre eroicamente lottava per liberarsi, urlava: “Ho mangiato solo pesce! Ho mangiato solo pesce!”

Lascia un Commento sull'articolo: