Le orme dei nostri libri

Mi è arrivata una grana divertente dal simpatico tizio Ayrealm, il folletto Luca Azzolini. E’ un gioco tra blog, consiste nello scrivere 6 incipit di libri che hanno lasciato il segno in me. Allora, premetto che è un’impresa impossibile e assurda. Ho letto centinaia  di libri, alcuni favolosi che non ho qua a Roma per cui mi è impossibile recuperare l’incipit. Quindi ho deciso di darmi all’istinto e citare i primi titoli che mi sono venuti in mente e sottomano. Avrei anche qualche romanzo inedito da consigliare, ma ci sarà tempo, sono convinto, per tessere anche le loro lodi.  Ecco quindi la mia lista:

1.     La Storia InfinitaMichael Ende

Questa scritta stava sulla porta a vetri di una botteguccia, ma naturalmente così la si vedeva solo guardando attraverso il vetro dall’interno del locale in penombra.

Commento: non potevo esimermi dal citare la mia musa per eccellenza. Se penso al fantastico, per me esiste lui in prima posizione. Seguono gli altri, Rowling e vari. Distanziati alla grande.

2.     Inferno – Divina Commedia Dante Alighieri

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura che la dritta via era smarrita.

Commento: Il sommo poeta. Tanto che gli omaggi a Dante si sono concretizzati in due capitoli di E1 e saranno reinventati in E2. Lettura d’obbligo alla superiori, che imparai ad amare, scoprendo la magia dei suoi versi. Vorrei un Dante, ai giorni nostri. Ma, per assurdo, abbiamo meno libertà di parola del 1300 e quando ce la prendiamo, andiamo nelle piazze e la usiamo nel modo sbagliato.

3.       Il Cacciatore di AquiloniKhlaed Hosseini

Sono diventato la persona che sono oggi all’età di dodici anni, in una gelida giornata invernale del 1975.

Commento: un regalo che mi ha emozionato come pochi. Splendido. Emozione allo stato puro dalla prima all’ultima pagina. Ti toglie il respiro. Meraviglioso.

4.       La porta di TolomeoJonathan Stroud

Gli assassini si calarono nei giardini del palazzo a mezzanotte: quattro agili ombre scure contro un muro.

Commento: un’amica mi ha fatto conoscere quest’autore. Da allora mi sono perdutamente innamorato della sua scrittura, dell’ironia intessuta in ogni pagina, del sarcasmo pungente velato nei personaggi più stravaganti.

5.       Le Guerre del Mondo Emerso- Setta AssassiniLicia Troisi

La torre venne giù in un colpo solo. Si frantumò in miriadi di schegge di cristallo nero.  La piana ne fu invasa, e tutti rimasero accecati per qualche istante.

Commento: Adoro la letteratura fantastica, e non potevo mettere un libro che a mio avviso è l’emblema del fantasy nostrano. Una saga avvincente, sicuramente migliore e più matura della precedente.

6.       Il Piccolo PrincipeAntoine De Saint-Exupèry

Un tempo lontano, quando avevo sei anni, in un libro di foreste primordiali intitolato «Storie vissute della natura», vidi un magnifico disegno.

Commento: Una pietra miliare, un libro intramontabile a ogni età. Un pezzo della mia vita.

Allora, guardo questo elenco e ho diversi dubbi. Ci sono così tanti libri di cui vorrei parlare che non la finirei più. Ho adorato Pirandello, quindi fate conto sia là nel mezzo. Ci sono alcuni libri di amici di penna, che non ho inserito ma che mi sono piaciuti davvero tanto: sono "l’Ultima Profezia" di Chiara Guidarini  "l’Ultima Magia" di Gianni La Corte. (Insomma per entrambi è arrivata l‘ultima di qualcosa).  Per me siete nei primi sei, amici del caffè. Ma la cosa non mi preoccupa affatto, in matematica tra due numeri esistono infiniti numeri. A me bastavano 2 posizioni per mettere tutto ciò che volevo, ma rispetto la logica del gioco. E se avessi tempo per pensarci, stilerei una biblioteca personale.

Passo infine la palla a Lady T, spero raccolga la sfida.

Ma non vi risparmio, non fate finta di niente. Voglio vedervi sfogare nei commenti, voglio la vostra Top6, la più genuina e vera (evitate l’incipit, che è più semplice). Non mi tirate fuori Svevo, non esiste nessuna persona al mondo sana di testa che adora quel pazzo. Preferisco un Verga, almeno capisco che covate istinti propensi alla strage familiare. Sì, sono curiosissimo di sapere i vostri gusti letterari.

Sono dell’opinione che la vera personalità di un individuo si scopra attraverso i suoi gusti, non dall’abito che indossa o dalle parole che dice.

47 Comments

  1. Dietro lauto compenso ti passo la scritta “antiquariato, titolare Carlo Corrado Coriandoli”. L’ho rifatta UGUALE. Vera arte da perdigiorno…

  2. Ciao DannyM e grazie per avermi aggiunto alla tua lista di amici. Ovviamente faccio lo stesso con te. Non è che metti il mio blog tra i tuoi link?

    Fabrizio

    p.s.: prometto di leggere il tuo romanzo… che per di più è un pò che ne leggo il titolo in giro

  3. uaaah stupendo sto giochino…stasera sbircio la mia libreria e stilerò i miei top libri..ho provato a farlo adesso ma è troppo difficile scegliere e nn voglio penalizzarne uno piuttosto che l’altro..magari s’offendono eh! eheh..buonagiornataaa

  4. Difficile che riesca a ricordarmi un incipt, che di solito leggo ma non torno mai indietro a gustarmi parola per parola, anche là dove apprezzo molto. Non saprei proprio compilare una top six 😉

  5. ‘na sfida più difficile no eh? vabbè, proviamo:

    1l’ordine della fenice

    2il talismano del potere

    3il regno di Altilia

    4la stella dalla lama (che trovi a puntate su andarielwords.splinder.com)

    5la spada della verità vol. 4

    6la storia infinita.

    non so se sono proprio i miei preferiti, ma li leggo (o scrivo) sempre con piacere

  6. Non puoi parlare male di Svevo! La coscienza di Zeno è un libro fantastico, e guai a chi commenta =D

    Comunque non è nella mia Top Six:

    1. Il Signore degli Anelli (serve l’autore? comunque lo leggo da prima di tempi sospetti)

    2. It (S. King, il suo più bello)

    3. Guida Galattica per Autostoppisti (D.Adams, anche questa prima del deludente film)

    4. Il ciclo di Ender (O.S. Card, vale anche se sono 4 libri?)

    5. La Storia Infinita (M. Ende, il primo libro su cui ho pianto perchè era finito!!!)

    6. Contact (M. Crichton, cancellate anche stavolta il film… Il libro non ha niente a che fare con quella robaccia!)

    In realtà che ne sarebbe un altro milione (tutto Asimov per esempio, e svariati autori italiani come De Carlo e Pinketts), ma questi per un motivo o per l’altro sono quelli che sento più vicini a me.

    Mi piace questa classifica! =P

  7. X Anima: beh dai abbiamo un libro in comune.

    X Penny: Fico IT! L’ho letto tanti anni fa ma mi piacque moltissimo. Quelli erano i veri tempi di King. Il film, una ciofeca assurda 🙁

  8. Compito difficile, lo sanno tutti i lettori “mangiatori” di libri.

    Dunque. Ci provo anch’io. Sono curioso.

    1. Ventimila leghe sotto i mari: un libro che mi ha lasciato un segno indelebile. Verne, visionario e concreto. Un’avventura emozionante come poche altre. Indimenticabile.

    2. Uno studio in rosso: Doyle, un grande! Sherlock Holmes, un mito immortale! uno dei libri più coinvolgenti che abbia mai letto. Indimenticabile anche questo. Ma aggiungerei anche gli altri libri di Doyle sul Holmes.

    3. La saga dei Lungavista: Che devo ancora terminare, ma qui vado a occhi chiusi. Emotivamente sconvolgente.

    4. La saga di Harry Potter: Classico, ma è grazie a questi libri che mi sono riaffacciato alla lettura.

    5. Il Signore degli Anelli: Bello, e nessun altro commento sarebbe appropriato.

    6. Novecento: letto poco tempo fa ed è già nel mio cuore.

    Ma ce ne sono tanti, ma tanti, tanti altri…

    M.

  9. Odddiooooooooooooooooooooooo SEIIIIIIIIIIIIII?????? ma sei matto.. non riesco a fare questa cernita, dammene almeno 10!!

    1 Il Cavaliere d’Inverno di P. Simmons (perchè è così che mi piace l’amore e mi piace molto come scrive)

    2 L’arte di amare di E Fromm (perchè mi ha fatto capire molte cose, ma valevano solo i romanzi??)

    3 Il buio oltre la siepe di H.Lee (perchè mi ha insegnato la giustizia, ed è stato uno dei primi libri che mi ha fatto venire voglia di scrivere -ecco perchè il mio primo libro si svolge in Alabama e non in Italia)

    4 Amata per caso di S. Zecchi (perchè lo sento in parte mio e ho pianto tanto)

    5 La storia Infinita di M. End (perchè è la storia infinita)

    6 I’m Regina di S.M. Keehn (non saprei dire perchè mi piace, forse perchè mi piacciono le storie degli indiani d’America!!)

    7 i libri di Michael Crichton (perchè adoro i thriller e i suoi spaziano su vari argomenti)

    8 Una bambina e gli spettri di T.Hayden (perchè adoro la psicologia infantile, mi intrippa troppo, quetso libro è dolce è crudele al tempo stesso)

    9 Il fu Mattia Pascal di Pirandello(perchè mi intrippa troppo!!)

    10 Incontro alle stelle di L.Rice(perchè parla dell’amore di una madre per una figlia malata e mi dà molta forza)

    Miiiii come sono eclettica!!! :p

    Vabbè ce ne sarebbero molti altri… 🙂

  10. 1: J.R.R. Tolkien-IL SIGNORE DEGLI ANELLI: non mi cimenterò nell’incipit perchè non è la cosa che colpisce di più, potrei invece dire: un anello ai Re degli elfi sotto il cielo che risplende, sette ai principi dei nani..;

    2:George Orwell-1984 questo libro è ciò che nessuno di noi vorrebbe mai accadesse, l’ho letto anni fa, ma un brivido di terrore corre lungo la schiena ogni volta che ci penso;

    3: Bram Stoker DRACULA: un insieme di diari di terrore e passione, una stessa vicenda vista da tanti occhi e vissuta da tanti cuori, che per la legge dell’uno contro tutti mi ha fatto parteggiare anche un pò per il mostro;

    4:Christian Andersen FIABE: beh posso solo dire che mai bisogna vergognarsi di ciò che a 30 40 o 50 anni ci smuove l’anima come se fossimo bambini;

    5:William Shakespeare: OTELLO e SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE: a pari merito, completamente diversi ma entrambi mi hanno rapita e consegnata a mondi lontani, tra intrecci di corte e spiritelli dispettosi;

    6:Henrik Ibsen-CASA DI BAMBOLA: questo è ciò che io non vorrei mai diventare: una donna tanto fragile che per amore di un marito che non la conosce affatto, indossa una sorridente maschera;

    avrei voluto nominare anche IL DOTTOR JECKILL E MR HIDE di Stevenson e L’ARTE DI INSULTARE di Schopenhauer ma…

    vi lascio con una chicca per gli amanti della poesia, perchè se fosse un libro sarebbe il 1° e l’unico che amerei:

    Had I the Heaven’s embroidered cloths, enwrought with golden and silver light, the blue and the dim and the dark cloths of night and light and the half-light,

    I would spread that cloths under your feet:

    but I being poor have only my dreams;

    I’ve spread my dreams under your feet;

    tread softly because you tread on my dreams.

  11. X Gianni: ho visto il tuo blog, eeheh mancavi solo tu!

    X Coram: beh ho letto la tua rece su Novecento, mi sa che lo leggerò 😉

    X Dilh: non vale!! hai messo 10 libri. Barona! 🙂

    X Naeel: bella scelta. E’ bello vedere come ognuno abbia gusti così diversi e particolari!

  12. Dimenticavo. Menzione d’onore – mia, personale -, a “Il Re dei Ladri” di Cornelia Funke.

    Consigliato a chi ama la fantasia moderna, fresca e magica, e a chi vuol rimanere per sempre bambino e giocare!

    M.

  13. pillola di saggezza:

    “è forse impossibile trovare una donna veramente sincera, che non finga. ma per la stessa ragione le donne scoprono facilmente la finzione altrui e non è consigliabile tentare di ricorrervi nei loro riguardi.”

    l’arte di insultare, Schopenhauer

  14. Vabbè…

    Vado con sei libri allora… e senza motivazioni che tanto sono opinabili

    1) 87 distretto, tutti presenti (Hail, Hail The Gang’s All Here!) – Ed McBain

    2) Le Maree di Kithrup (Startide Rising) – David Brin

    3) Teranesia (idem) – Greg Egan

    4) L’uomo disintegrato (The Demolished man) – Alfred Bester

    5) La matrice spezzata (Schismatrix) – Bruce Sterling

    6) Fuoco Sacro (Holy Fire) – Bruce Sterling

    Ne aggiungo due non di narrativa

    6 bis) Il Gene Egoista (The Selfish Gene) – Richard Dawkins

    7 tris) Brainstorms (idem) Daniel Dennett

  15. Grazie Fran! L’ho letto ora… felice di essere tra i libri che ti sono piaciuti. Il tuo é piaciuto a me, ma già lo sai… tuttavia a volte é bello sentirselo dire.

  16. X Coram: ho sentito parlare bene di Fumke, ma hanno stroncato il secondo libro. Che ne pensi tu?

    X Naeel: ti rispecchia? Cmq sto seriamente pensando di cambiare un nome a una cattivona di Profiel e chiamarla Naeel. Il problema è che con tutte queste vocali, il nome suona troppo gentile 🙂

    X Meta: caspita, sei riuscito a beccare sei libri che non ho letto. Però 😉

    X Chya: beh, l’ho detto tante volte, e aspetto il secondo :=)

  17. Ho letto solo “Il Re dei Ladri” (che ti consiglio), e Cuore d’Inchiostro dovrei leggerlo… ehm, prossimamente, molto prossimamente.

    “Il Re dei Ladri” è stato un libro che mi ha preso per molti aspetti. La storia, lo scenario (Venezia), la purezza dei personaggi… molto bello, davvero. Vorrei rileggerlo, un giorno, perché è stata una lettura che mi ha lasciato qualcosa di importante.

    M.

  18. Sì mi pare di aver letto qualche commento di delusione su Cuore di Inchiostro. Ma alla fine magari sono semprei soliti 2-3 sfigati che devono parlare sempre male. Dai, mi fido di te, se ne vale la pena li prendo, fra l’altro sono già usciti in economica 🙂

  19. Veleno d?inchiostro è anche più bello.

    comunque c’è solo un libro in comune perchè sono i primi che mi hanno stuzzicato la memoria. Anche a me piace la divina commedia, per esempio

  20. Animaeali, Troisi e Rowling li approvo alla grande. Beh, il problema di Dante, credo, è che sia necessaria una persona che lo spieghi approfonditamente. Oppure una guida, anche se non è la stessa cosa. E spesso alle superiori accade il contrario, te lo fanno odiare.

    Non si può dire che La Divina Commedia sia un testo facile che si può affrontare da soli. O meglio si potrebbe anche, ma con gran fatica rischiando di perdere le sue mille sfumature.

  21. Un breve appunto: io l’ho messo Svevo nella mia lista. Ti cito: “non esiste nessuna persona al mondo sana di testa che adora quel pazzo”.

    Trai le tue conclusioni…

    Yha ha ha ha ha ha ha ha ha!!!!!!!!

  22. x Danny:

    1:non so se mi rispecchia però il modo in cui schopenshuer parla delle donne è esilarante (forse perchè io non sono affatto femminista).

    2:troppe vocali e beh che fa? anzi meglio, magari il nome che inganna può essere una variante, no?

    3:sono a pagina 435 “INGOS”

    cazzarola non mi sono loggata comunque sono NAEEL

  23. sono le 11.44 e ho appena terminato di leggere il tuo libro (in ufficio) peraltro in uno degli ultimi momenti di tensione del libro è entrato un mio collega spalancando la porta e facendomi fare un balzo che nenche fiona may… ancora non mi riprendo!!!

  24. Ah Naeel! Sei stata rapidissima. 🙂 Beh dai, non mi dire che ti ha fatto paura il Palazzo dell’Inverso… perchè il secondo libro ti farà saltare sulla sedia, allora 🙂

  25. no, veramente lo avevo già passato il palazzo dell’inverso, il fatto è che quando leggo sono concentratissima….

  26. beh se facessi rispondere naeel sai già quali cattiverie potrebbe dire, elena invece è più buona, quindi dimmi da chi la vuoi la critica?

  27. trattasi, ghidara, di sdoppiamento della personalità. eh già tra il groviglio di difettucci che si intersecano su per il mio carattere c’è anche questo! naeel sarebbe ben lieta di vomitare malignità sull’autore, ma elena si rende conto che siamo pur sempre a casa sua. quindi la critica la invierò a francesco, saprà lui cosa farne… (almeno fra non la stampare così non avrai sprecato carta e l’amazzonia sarà più felice hi hi hi)

  28. X sGhì: stai diventando crudelissima? Oggi ho passato una giornata divertente, ecco il perchè della mia assenza.

    X Naeel: ho capito! Sei come Smeagle dalla doppia personalità? Dunque, ho letto la critica di Elena/Naeel, e l’ho trovata correttissima. Le critiche negative (quelle che i maligni aspettano di sapere) sono a mio avviso giuste e ben articolate. E, vi dico la verità, concordo appieno. Motivo per cui ho scritto E2, non trovate?

    Besi besi, e grazie mille Elena per aver speso un po’ del tuo tempo con Estasia, sia nella lettura che nella recensione.

    Spero che ti abbia comunque lasciato una bella sensazione nel cuore.

    Per Naeel, guerra come sempre, ovviamente 😉

  29. Son riuscita a fare la lista olè..

    1) – Piccole Donne – Louisa Mary Alcott

    2) – L’ombra del vento – Carlo Luis Zafròn

    3) – La pietra del vecchio pescatore – Pat O’ Shea

    4) – Il diario di Anne Frank – Anne Frank

    5) – Harry Potter e il principe mezzosangue – J.F.K. Rowling

    6) – Jane Eyre – Charlotte Bronte

    Sul mio blog ti ho copiato l’idea ed ho postato l’incipit se interessa eheh..cmq è stata na faticaccia!

  30. Niente male! Zafon lo sto leggendo adesso e lo trovo splendido. Per HP, il mio preferito resta il calice di fuoco. La pietra del vecchio pescatore sta nella mia libreria, quanti ricordi… 🙂

Lascia un Commento sull'articolo: