Questa non è più Letteratura.

Sì, oggi mi girano ampiamente i maroni. E raramente perdo le staffe in modo pubblico (privatamente, sempre). Ecco, dovrei farmi una bella foto della mia guancia deforme, renderebbe l’idea. Ma vi risparmio l’orrore.

Mi riferisco agli avvenimenti successi dopo la segnalazione da parte di FM del secondo libro di GL D’Andrea. L’articolo di Cottogni riportava delle inesattezze, la segnalazione si incentrava (di più, ma non esclusivamente) sul primo libro Wunderkind e poco sul secondo. Ma, la cosa che ha fatto indignare l’autore, è che uno stralcio del suo testo è stato modificato. Per modificato, tanto per chiarire si intende: cancellati alcuni spazi e punto a capo, unita la fine di un capitolo con il successivo.

Qui D’Andrea ha pienamente ragione. Il testo non va toccato, perché i famosi punti a capo hanno un senso ben preciso. Non sono facezie buttate là a caso. Nel suo blog dice:

Il brano “riportato” sotto il “pezzo”, il brano che dovrebbe essere “un’anticipazione” del MIO libro, non tiene conto della spaziatura che IO ho STUDIATO per il MIO libro, degli ‘”a capo” e, per di più, ha eliminato uno spazio fra capitolo e capitolo rendendolo un unico brano. QUESTO mi ha fatto MOLTO incazzare.

Concordo. Ma, la reazione che io avrei condiviso sarebbe stata quella di scrivere alla redazione, evidenziare gli errori, chiedere il cambiamento. E il più presto possibile, grazie.

Invece tutto è finito nel flame, nel litigio e negli insulti. Per favore, prima di postare la vostra opinione, leggetevi i post QUI e QUI con i relativi commenti. Fino alla decisione di Silvio Sosio, dopo vari scambi poco cordiali, di “…non ci saranno altre occasioni: da oggi nessun sito Delos Books parlerà mai più dei tuoi libri, cosa che sono sicuro ti renderà felice”.

Notizia ripresa anche dalla Manni e della Lipperini (che a mio modesto avviso avrebbero dovuto mettere più in risalto tutti gli aspetti della vicenda. Perché, chi non ha seguito il tutto, sarà portato a stigmatizzare il comportamento di FM aprioristicamente, senza capire tutti gli eventi. Sì, non prendiamoci in giro, la gente legge tre frasi, si fa un’idea e non sfoglia 100 commenti e 3 post linkati. Visto che c’è questo malcostume dei lettori, e nei blog si fa informazione, è bene prevedere anche questo atteggiamento, IMHO).

Ecco, io sono abbastanza amareggiato. Perché questa non è più letteratura, di nicchia, di genere o fantasy che sia. E’ marketing, è creare rumore e propaganda.

E a me non piace assolutamente. La questione poteva essere risolta in modo pacifico e tranquillo, senza alzare polveroni. Ricordate la mia intervista al corriere? Cosa successe? Ovvio che mi incazzai. Perché mi furono affibbiate parole mai dette. Se vogliamo è peggio di quello che è successo a D’Andrea.

Vedo anche un’altra cosa nel fantastico italiano. Una tendenza che quando iniziai nel 2006 non c’era. Ossia la creazione di fazioni, di gruppi di scrittori che si spalleggiano a vicenda. Si autopromuovono, si autoincensano, si mettono gli uni contro gli altri. Già il genere fantastico di per sé è ristretto e troppo spesso vituperato, figuriamoci se questi atteggiamenti lo aiutano. Tutt’altro. (**)

FM. Conosco molte persone della redazione, li ho incontrati anche in qualche manifestazione come Lucca Comics. E ripeto la mia stima, perché sono persone che lo fanno con passione. Possono sbagliare? Certo, tutti possono sbagliare. Ma Cottogni di certo non voleva offendere nessuno. Ci deve essere più attenzione? Certo che sì.

Non mi va neppure di passare per il paladino di FM. Tanto per chiarire, non condivido affatto alcune loro posizioni, l’ho già detto qui. Sono assolutamente contrario a qualsiasi tipo di segnalazione di libri pubblicati da editori a pagamento. I motivi sono ovvi. L’ho ripetuto fino alla nausea su questo blog. Eppure succede di frequente, come per il libro “L’ira del Cielo”. Leggendo i commenti dello stesso autore, si capisce che ha pagato per pubblicare. L’editoria a pagamento è monnezza, e FM NON DEVE segnalarla. Perché aiuta un business MARCIO.

Ecco, questo il mio pensiero. Tutto si poteva risolvere in modo semplice, spostando l’attenzione sul LIBRO Wunderkind e non sui FLAME. Il risultato è l’opposto, ovviamente.

E io non ho più voglia di leggere il Wunderkind. Neppure una pagina.

 

** EDIT: tanto per non creare fraintendimenti, come è già accaduto. Questo discorso è molto più complesso, e non riguarda gli scrittori citati. Lo approfondirò in altra sede, in modo molto più esaustivo.

58 Comments

  1. Originally Posted By Ohdrein

    Non esageriamo: la tempesta si spera sia passata, non rintuzziamo, anche solo per scherzare. –

    Odhrein, non mi sognerei mai di innescare una rissa sul blog di Frà, ho semplicemente usato un po’ di sarcasmo, che è sempre un ottimo antidoto a certa boria 😉 (che peraltro non ha bisogno di essere rintuzzata perché cammina benissimo di suo)

    OT- Sono in piena vena sperimentale 8-), e visto che è assodato che non son capace di usare il reply, oggi mi cimento col quote; ma non essendoci un’anteprima, non garantisco sul risultato una volta che avrò dato l’invio…

  2. Cos’è la letteratura? Una cosa imbalsamata sulle antologie che tanto detestavamo da studenti? Oppure un corpo magmatico, rovente, che tocca l’intimo di tutti coloro che hanno a che fare anche solo tangenzialmente con lei? Io credo che sia questo il caso che ci appassiona. Il bello di questa letteratura sta proprio nella diversità di vedute, nel modo differente di porsi, negli attriti. Sarà proprio questa la ragione per la quale ritengo che questo insieme di discussioni anche dure non possano che essere positive.

  3. Postato da: eleas
    Il bello di questa letteratura sta proprio nella diversità di vedute, nel modo differente di porsi, negli attriti. Sarà proprio questa la ragione per la quale ritengo che questo insieme di discussioni anche dure non possano che essere positive.

    Certo Gianrico, concordo nel libero scambio di opinioni e vedute, e confronti anche duri, purché tutto poi non finisca in malora in offese e tifi da stadio. Cosa che ho notato in questi giorni e che non vedo come possa giovare se non all’auditel.

  4. Fra’ guarda alla fine non penso che l’auditel c’azzecchi, per quello che conosco gli scrittori che sono intervenuti nessuno è interessato a quel genere di approccio. Certo tu e Luca siete agli antipodi. Ma su nessuno dei due mi sentirei di dire che sia persona intellettualmente disonesta. Ma questa è la mia opinione. Resto decisamente convinto che le passioni anche violente siano meglio del piattume. De l resto quante volte si scrive di queste passioni?
    Io sarei stato forse anche più duro di GL nei confronti di FM (sarà che odio ormai tutto ciò che ha a che fare anche solo lontanamente col giornalismo).
    La frase sul modo di concepire la scrittura? Mi sarebbe piaciuto sentire la sua risposta alla tua.

  5. Capisco il senso delle tue parole. Fra l’altro, neppure io penso che D’Andrea sia una persona intellettualmente disonesta.

    A quale frase sul modo di concepire la scrittura ti riferisci? Pardon ma mi sono perso tra i post…

Lascia un Commento sull'articolo: