American Horror Story

 

Ieri sera ho visto la puntata Pilot della nuova Serie TV American Horror Story. 

Trascorsi i primi 5 minuti, era chiaro il leitmotiv: casa infestata di fantasmi. Un cliché vecchio come il cucco. Eppure.

Ricordate Misfits? Anche quel telefilm si basa su un cliché rodato e abusato, se vogliamo: ragazzi con superpoteri. Misfits era riuscito nell’impresa di realizzare una sceneggiatura originale, ruvida e inedita.

American Horror Story segue le stesse orme, almeno così appare dal pilot. Ciò che esce dallo schermo non è tanto il fantasma psicopatico che miete vittime tra i nuovi inquilini della casa ma, dopo i primi minuti, ci accorgiamo che il vero horror non è il fantasma, ma la famiglia stessa.

Tanto per chiarirsi: AHS è una serie TV assolutamente per adulti, bollino rosso. Per i temi trattati, come l’autolesionismo, l’adulterio, lo psicodramma, il sesso. Il tutto incastrato alla perfezione, in modo credibile. Personaggi che sanno recitare, che non ci ripropongono la solita saga familiare americana né l’amore adolescenziale. C’è la scuola, ma non per mettere in luce il bello e dannato di sui si innamorerà la protagonista, ma per evidenziare il disadattamento sociale. C’è il pater familias, che vive il suo dramma di adultero affogando nelle sue debolezze. C’è una madre, incapace di superare il dolore di un aborto, che cova la sofferenza per un marito che l’ha tradita aggrappandosi alla disperata ricerca di voler tenere una famiglia unita. C’è una figlia, che si innalza nella sua solitudine e incomprensione, che cerca l’affetto di una metà che rifletta la sua stessa inquietudine.

E  ci sono ovviamente l’horror, il surreale, la tensione. Una buona fotografia e dei dialoghi che funzionano.

Ma ciò che più mi piace è la capacità di usare un tema trito e ritrito come la casa infestata e tirare fuori una sceneggiatura sopra le righe che funziona veramente. Chapeau.

Una serie da seguire con attenzione.

9 Comments

  1. Concordo, Francesco.
    Io ero partita molto scettica, però devo dire che sembra una serie meritevole di attenzione!

    🙂

Lascia un Commento sull'articolo: