Avatar

Finalmente sono riuscito a vedere Avatar. Sembrava un’impresa quasi impossibile, cinema sempre pieno e prenotato da giorni.

Ho letto quindi anche l’opinione di Sandrone Dazieri in merito. Su molti aspetti devo concordare. Personaggi abbastanza stereotipati (specialmente i cattivi), trama lineare e prevedibile. Adoro Sigourney Weaver, ma anche Michelle Rodriguez, che ricordo da Lost.

I contenuti, o comunque il succo della storia, va invece salvato. Perché parlare del binomio guerra-pace o natura-distruzione a mio avviso non guasta mai. Non si deve cercare a ogni costo l’originalità, il non detto, la sfumatura o la prospettiva inesplorata. Si può scegliere anche la strada dell’ovvietà e della semplicità. E ben vengano, se sono ben realizzate, senza pretese e con onestà intellettuale.

E questo suppongo era lo scopo di Cameron. Sentimenti elementari, sceneggiatura con happy ending e senza troppe sofferenze. Grandi effetti speciali, che sottendono tuttavia la precisa definizione di un mondo.

Pandora.

Credo sia la cosa più bella del film. Più volte ho pensato: Cameron fammi vedere di più. Fammi esplorare questo mondo. La sua flora. La sua fauna. L’oceano esiste? Ci sono le stagioni? Qual è il suo sole?

Eccomi, datemi del pazzo, ma è la cosa che ho più apprezzato di Avatar e quella che forse mi ha lasciato l’amaro in bocca. Perché appena finita l’estasi delle fosforescenze notturne, avrei avuto il desiderio di viaggiare nel pianeta di Pandora. Deformazione professionale, mi dico. Tipico di chi si è abituato a costruire mondi immaginari.

Non c’era tempo e non era lo scopo del film. Ovvio, la macchina commerciale c’è e si vede. Ormai tutti i film escono 3D solo per far lievitare il prezzo del biglietto a 10 euro. Il primo 3D che vidi fu Nightmare, pochi minuti a tre dimensioni. Ed erano quindici anni fa o forse di più.

20 Comments

  1. era il 1991, gli occhiali erano ben diversi dai Dolby 3d attuali, erano di plastica e cartone… mi ricordo che lo vidi al Cinema Marraccini (oggi in stato di abbandono) il segnale di infilarsi gli occhiali te lo dava proprio Freddy verso la fine del film.preistoria…

  2. lo voglio vedere anche io in 3D uffaaaa.dove vivo io è un paese di ….. c'è una multisala che non trasmette film in 3D ma daiii… è una vergogna.dovrei spostarmi verso napoli per andare in un cinema decente.in pratica dovrei farmi un ora di viaggio…ma fosse tutto questo il problema…a trovarlo poi un cinema li.non ho neanche avuto modo di vedere christmas carol…tempo fa andai a vedere un film horror"san valentino di sangue"se l'avessi visto con l'effetto 3D era uno spettacolo,ma il film in se avendolo visto senza 3D è una grande cazzata.

  3. Sono completamente d'accordo, forse è un po' impietosa la frase in cui dici che il 3D serve solo a far lievitare il prezzo; io trovo che in 3D sia tutta un altra cosa(con tecnologia giusta e cinema tarato bene, perchè se ne sentono di tutti i colori), diventa veramente un esperienza immersiva, e sono dell'idea che anche se viene affermato il contrario, Avatar non è stato concepito in funzione 3D, chissà quando un film sarà veramente furbescamente concepito per il 3D…

  4. Mi riferisco al fatto che ormai stanno facendo di tutto per fare i 3D, anche quando non ce ne è bisogno. Nel caso di Avatar è essenziale, senza perde il 50% del film.

  5. Concordo con la recensione in tutto. Pero' questa faccenda dei cattivi stereotipati… Purtroppo, sembra incredibile ma personaggi esattamente cosi', ottusi, determinati e crudeli, esistono eccome, nella realta', specie negli alti gradi degli eserciti.

  6. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identità. Idiota, appunto, ma non finta.

  7. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

  8. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

  9. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

  10. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

  11. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

  12. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

  13. Ci credo, è che i dialoghi li ho trovati più che ottusi un po' artefatti."Fuocooooo!!!""Uccideteli!!!""voglio tornare per l'ora di cena"Insomma, molto american style e poi reale, ancora.Anche gli idioti hanno un'identit

Lascia un Commento sull'articolo: