Polvere di Stelle

Ieri sera ho visto Stardust. Insomma, quando c’è un film fantasy o horror al cinema non me lo lascio sfuggire, così come Resident Evil, già programmato per la prossima settimana.

Allora, Stardust. Inizio subito con una considerazione: il film è tratto liberamente dal libro di Gaiman. Premessa necessaria per non cadere nel solito discorso "mi aspettavo qualcosa di diverso dopo aver letto il libro". E siccome Gaiman è uno dei miei autori preferiti, lo shock era inevitabile. In primis, perchè il film ha poco dell’atmosfera di fiaba con cui Neil ha scritto il libro, secondo perchè appaiono personaggi che il romanzo non cita (uno fra tutti, Capitan Shakespeare, con un Robert De Niro meraviglioso. Ma sinceramente, dopo aver letto Stardust, trovarsi al cinema un capitan pirata amante dei travestimenti un po’ sconvolge…). Per il resto, il regista ha saputo creare un film nel complesso buono e godibile. Ha sicuramente voluto alzare il target, anche se ogni tanto un granello della fiaba si percepisce ancora. Sottotono la Stella, magnifica e sorprendente Michelle Pfeiffer, sublime nella recitazione, affascinante come non mai anche alla soglia dei 50 anni. Insomma, siamo alle solite. Come ho detto al Romics, il grande potere della lettura  sta nel fatto che di per sé è incompleta e spinge a trovare il complemento nell’immaginazione. Così, se andremo al cinema con l’intento non di trovare una trasposizione di Gaiman ma un buon film, non ne rimarremo delusi. Effetti speciali ben realizzati, a volte un po’ demodè ma sapientemente ricostruiti. Bella anche la fotografia e alcune scelte visive. Insomma, un film che vi consiglio di vedere assolutamente.

18 Comments

  1. Anch’io l’ho visto! Purtroppo (o fortunatamente) non avevo letto il romanzo di Gaiman in precedenza… Ma il film l’ho trovato piacevolmente divertente, curioso, diverso da tutti i fantasy che ho letto finora! Non immaginavo che Capitan Shakespeare fosse un’invenzione del film! Oddio sono sconvolta! Comunque, sono uscita dal cinema felicissima e se c’è un consiglio che posso dare: andate tutti a vedere Stardust!!!!!!

    Pamela

  2. Considera che ilm libro di Gaiman è concepito per ragazzi molto piccoli. Un pirata con la passione per il travestimento sarebbe un concetto un tantino ostico 🙂

  3. Ciccione di un Fra, l’ho visto anche io ieri sera!! Dove sei andato a vederlo??

    Sono d’accordo con te quasi su tutto. Però a me è piaciuto molto, devo dire, per certi aspetti, più del libro… Anche se leggere è leggere (lo preferisco al film di solito) però le scelte dei personaggi e delle situazioni in più le ho molto apprezzate, da De Niro alla lotta finale a casa delle streghe… E ho apprezzato molto gli effetti speciali, la fotografia e l’uso della musica. Così come la scelta di rendere la crescita dell’amore tra i due più palpabile, rispetto al libro.

    Bacio

  4. Ah cmq si dice che la Mondadori, come ti dicevo, ha fatto qualche taglio qua e là dell’originale, chissà che non era proprio in capitano?? Oddio forse è un pezzo troppo lungo… Toccherebbe leggere l’originale per saperlo…

  5. Lo volevamo andare a vedere anche io e Marco. Mi pare di capire che merita… e non avendo letto il libro, a maggior ragione!^_^

  6. Mech, mi dici che è una cacca? Peccato, il primo e il secondo mi erano piaciuti. Poi lei… è fantastica 😉

    Fa cagare quindi?

  7. Ma se volevo crocifiggertelo così tanto da essere spinto farti risparmiare il biglietto te lo dicevo chiaro… No, è solo che è un collage di poche idee e sparate veloci. E lei è stupendevole 🙂

    E poi c’è Nikki Sanders di Heroes… E una vecchia fiamma della S.T.A.R.S….

    E forse pure doctor house, ma non sono riuscito ad averne la certezza (sinceramente non ci potevo/volevo credere).

    Insomma vai e soffri!

  8. Resident é un film che se hai giocato al Videogame non puoi apprezzare.. ma come al solito me lo vedro’ lo stesso solo per dire cavoli, un altra occasione sprecata. Milla ha dato il suo massimo nel quinto elemento a mio avviso. 🙂

    Stardust non ho letto il libro, che faccio? consigliate la visione del film nonostante questo?

  9. Ieri sera sono andato pure io a vedere Stardust. Come per ogni trasposizione libro-film mi sono preparato al peggio ed invece sono rimasto piacevolmente colpito. Bhé… non è che fosse precisamente fedele al libro ma se confrontato con altre trasposizioni direi che qui siamo messi molto meglio rispetto alla media.

    Piccola considerazione a margine di quello che hai scritto. La cosa straordinaria di leggere un libro è la possibilità di creare l’immagine dei personaggi che, per ognuno di noi, sono unici, vederli in un film stravolge ciò che avevamo immaginato perché la creazione è di un’altra persona e questo toglie un pò di magia al tutto.

    Gio

    PS.

    In ogni caso sublime interpretazione di Robert De Niro

  10. Verissimo Valbe, tutti e due film molto riusciti, personalmente pero’ la preferivo nel 5° elemento, ma va proprio a gusti personali.

  11. concordo con valbe in giovanna d’arco è stata brava. nel quinto elemento ancora un pò acerba, resident evil (SECONDO ME) è proprio una cacca di film. l’avrei vista bene in matrix la milla, beh ora non più poverina.

  12. Che gioia trovare un blog dove poter rovesciare subito le mie impressioni riguardanti questo film, che ho visto ieri sera, con mio figlio piccolino (nove anni) e del quale ahimè non ho potuto parlare con nessuno degli amici con cui ero andata al cinema (ci siamo divisi, chi a vedere Panariello, chi John Travolta, chi George Clooney… io invece la Pfeiffer che fa la strega… potevo discorrere con loro? naaaa…)

    Allora, che bello che adesso ho anche il titolo e l’autore di un libro da andarmi a leggere subito, perché la prima impressione, una volta uscita da lì è stata “voglio leggere questa storia, non può finire così… non può essere solo un film…” I film sono bellissimi per interpretare ciò che ci immaginiamo, ma la lettura resta sempre la “terra” nel quale pianter le radici.

    Detto questo, Stardust a me è piaciuto “un totale”… ‘na cifra, insomma! Mai sono uscita da un film più entusiasta di come lo ero ieri sera, non conoscendo assolutamente nulla del film e di chi lo aveva eventualmente scritto.

    Mi sono innamorata di Capitan Shakespeare e non sono rimasta delusa della Stella. Ovviamente è nato un nuovo “amore ziesco” cinematografico, ovvero l’attore che interpreta Tristan. Bellissimo.

    Ecco qua. Grazie per l’opportunità di questo “sfogo”… in un posto dove qualcuno capisce questo mio interesse per il fantasy ;-.)

    io poi ero venuta qui per segnalare, cosa che sto facendo a tutti i blog linkati sul nostro, il gioco letterario qui di sotto riportato.

    Ciao

    http://fiae.splinder.com/post/14249119/GIOCO+LETTERARIO+N.2%3A+COME+ERA

Lascia un Commento sull'articolo: