Anonimo e pseudonimo

Ieri sera, dopo cena, stavo parlando su skype con una mia amica proprio di un tema abbastanza caldo in questi giorni: internet, web 2.0, social ma soprattutto anonimato e pseudonimo.

Ok, non facciamo finta di cadere dalle nuvole. E’ sempre stato così, fin dalla nascita di internet. Il fenomeno si è solo accentuato – o è diventato più evidente – con la nascita del web 2.0 e il propagarsi dei social network: dai blog a facebook, passando per i forum che ormai sono una realtà in via di estinzione.

Poi, proprio in questi giorni, stavo ragionando su quanti scrittori abbiano una doppia identità su internet, ma anche editorialmente parlando con il famoso pseudonimo. Tanti, troppi a mio avviso. I motivi sono i più disparati. C’è chi è stato costretto dall’editore, perché lo pseudonimo inglese avrebbe venduto di più, c’è chi si è sdoppiato per essere credibile cambiando genere di romanzo, magari passando dall’horror a quello per bambini. Perché, naturalmente, non si vuole destabilizzare il “parco lettori”, affezionato a una particolare linea editoriale, ma si vogliono tentare anche altre vie (per motivi meramente economici oppure per un desiderio a quanto pare inconfessabile). Una politica intelligente, a livello marketing, non c’è che dire. Mi chiedo solo perché io non ci abbia pensato prima. Ma il motivo forse è più semplice di quanto si voglia credere: non ho avuto problemi a pubblicare il mio primo libro con il mio vero nome, non ho avuto problemi in seguito a proporre libri che fossero molto diversi gli uni dagli altri, sia a livello di target sia a livello di genere. Perché sì, se la più grande qualità di un artista è quella di reinventarsi, al contempo è una lama a doppio taglio. Quando pubblicai Gothica sapevo che mi rivolgevo a un pubblico nuovo, e chi aveva amato Estasia o Prodigium forse sarebbe stato deluso. E così è stato, anche se in realtà poi ho “conosciuto” un’altra fetta di lettori. Ancor più con il libro Mad for Madonna, dove cambiavo totalmente genere, rivolgendomi anche a chi amava poco la lettura ma avrebbe comprato il libro solo per aggiungere un cimelio nella collezione madonnara.

Poi. C’è chi dice che molti si tengono stretto il nome per puro narcisismo. In pochi, esclusi i deficienti, credono nella scrittura come fonte di reddito o mezzo per diventare ricchi. Ecco perché nel mio precedente post parlavo di Troisi ed effetto velina. Perché il successo di Licia ha dimostrato che la fama è raggiungibile anche se non siamo attori di Hollywood, madre natura non ci ha dotato di una voce stupenda, ma siamo semplicemente “il vicino della porta accanto che diventa famoso”. Persone normalissime che hanno successo, certo, come se questa fosse la cosa più semplice del mondo, un meccanismo ovvio e oliato. Manco per sogno, ovviamente. Rimanendo nell’esempio, la Mondadori non ha più ripetuto quel successo, semplicemente perché non esiste la ricetta. E, spesso e volentieri, neppure con l’import di prodotti stranieri, che hanno venduto meno degli italiani.

Inoltre ci sono coloro che sono costretti a utilizzare uno pseudonimo perché non possono esporsi, magari per la professione che svolgono. E li capisco, spesso uno pseudonimo sarebbe servito anche a me, avrei evitato situazioni imbarazzanti. D’altronde, con gli anni, ho imparato a fregarmene. Dicerie, commenti, allusioni. E critiche feroci su internet, quella che chiamano ironia ma che spesso sfocia nell’offesa e vilipendio. Perché? Sapete, ho perso il conto delle volte che mi hanno dato per “morto” editorialmente parlando. “Fra un anno sarai scomparso”, oppure i mille complotti che stanno dietro al mio cambio di genere ed editore. La realtà è molto più semplice: ho pubblicato 9 libri, a ogni uscita i miei lettori raddoppiano, a fine anno pubblico con il più grande editore per ragazzi in Italia, Piemme. Id est.

Poi, oltre a questo c’è l’esagerazione dell’estremismo. Leggetevi questo articolo, perché è triste.

 

 

7 Comments

  1. Tanto per la cronaca, lo scrivo su Facebook e sul blog: i miei commenti sono moderati. Ogni tanto vado e cancello quelli che hanno lo stile… proprio di altri blog. Insulti, flame e quant’altro. Ci metto 2 secondi, voi di più. E’ un consiglio, il mio. E’ estate, fa caldo. Andate al mare.

  2. Siamo nell’era del Grande Fratello: difficile che non si sappia qualcosa di qualcosa. A meno di non sconnettersi dal mondo e andare ad abitare in luoghi isolati dove non ci sia alcuna forma di tecnolgia.

    Uno scrittore che affronti vari generi lo vedo in maniera positiva, un mettersi in gioco per provare altre vie di modo che lo facciano evolvere. Certo, come dici tu, c’è il rischio di spiazzare lettori che hanno associato uno scrittore a un particolare genere, ma questo è quanto fanno le novità. Una maggiore elasticità aiuterebbe a capire questo, ma una parte dell’uomo è fatta per schematizzare e dare etichette, in modo da avere certezze, rassicurazioni, punti saldi cui rivolgersi.

  3. Pingback: Anonimato e Rete « Le Strade dei Mondi

  4. Mah, come ti dicevo, nell’anonimato non ci vedo niente di male, se non diventa un alibi per compiere illeciti. Ognuno sta in rete come preferisce, e capisco che c’è chi ha paura ad andare senza protezione. Poi, ok, se vogliono ti smascherano, ma purtroppo è la posta in gioco. Del resto anch’io ho partecipato a qualche forum senza star lì a sciorinare nome e cognome: non per altro, non ero andata lì a far pubblicità ai miei libri o alla mia persona, ma per parlare dell’argomento cui il forum era dedicato

  5. @licia – Sì, se i motivi per cui una persona sceglie l’anonimato o lo pseudonimo non sono patologici o non derivano dalla volontà di attaccare e offendere le persone nascondendosi nel maremagnum di internet. 🙂

  6. Postato da: licia
    Del resto anch’io ho partecipato a qualche forum senza star lì a sciorinare nome e cognome: non per altro, non ero andata lì a far pubblicità ai miei libri o alla mia persona, ma per parlare dell’argomento cui il forum era dedicato

    Che è un caso molto diverso di chi usa nickname per generare flame 🙂 Si sa, non è che tutti ricorrono a un avvocato per farsi dare il nominativo associato all’IP e quindi sporgere querela.

  7. Pingback: Mi vergogno | Il Sito Ufficiale di Francesco Falconi

Lascia un Commento sull'articolo: