La Bella e la Bestia al Brancaccio

Ieri sera sono andato a vedere il musical “La Bella e la Bestia” al teatro Brancaccio. Era da dicembre che avevo questa’intenzione, e ho approfittato dello sconto del 50% del 15 marzo, beccandomi un ottimo posto in seconda fila.

Che dire, adoro i musical, a Roma ne ho visti tanti. Notre Dame, Jesus Christ Superstar, la Divina Commedia, ognuno diverso e a suo modo particolare e affascinante. La bella e la bestia ha un punto di forza imbattibile: scenografia e costumi. Sono davvero stupendi, creano un’atmosfera unica e incredibile.

Tanto per farvi capire che non si tratta di uno spettacolino raffazzonato, ecco qualche dato:

L’anteprima mondiale del musical “La Bella e la Bestia” ha avuto luogo al Theatre Under The Stars di Houston in Texas nel Novembre del 1993.

Il 18 Aprile del 1994 lo show debutta al Palace Theatre di Broadway, dove resta in scena fino al 1999, anno in cui si sposta al Lunt-Fontanne Theatre, sempre a Broadway, e qui rimane fino al 2007.

Il successo straordinario ed ininterrotto di questo spettacolo è provato dai 13 anni ininterrotti di rappresentazione (oltre 5000 repliche!) solo a New York. Disney Theatricals decise infatti di chiudere lo spettacolo non per l’affievolirsi dell’entusiasmo del pubblico, ma soltanto per lasciare spazio alla nuova produzione “La Sirenetta”.

Nel frattempo nel 1997 il musical approda al Dominion Theatre di Londra, ma è nel 2005 che Stage Entertainment gli dona una nuova vita, producendone una nuova scintillante versione con scenografie meravigliose, sontuosi costumi e nuovi effetti speciali. In questa veste lo spettacolo va prima in scena sui palcoscenici di Olanda, Belgio, Germania, per arrivare in Spagna e Russia dove è tutt’ora rappresentato.

Dal 2 ottobre finalmente arriva anche a Milano, dopo essere stato visto da oltre 25 milioni di spettatori.

Le musiche sono coinvolgenti, e ti trascinano nell’atmosfera Disney. Bastano poche canzoni e il sense of wonder prevale.

Davvero, merita. Se siete di Roma non lasciatevi sfuggire le ultime date di marzo, anche perché continua con uno sconto del 30%.

Vi lascio un simpatico trailer.

httpvh://www.youtube.com/watch?v=rpM9LhpMFRQ

 

Nucleare

Leggetevi questo articolo tratto da Repubblica.

Siamo alle solite. Ci affanniamo in una corsa che sembra non presentare ostacoli, ci fermiamo a pensare alle conseguenze solo quando siamo di fronte a un baratro. Guardiamo nel buio, ne abbiamo paura, facciamo un passo indietro.

E questo che sta accadendo in questi giorni, mentre il rischio della fusione del nocciolo è uno spettro che incombe sul Giappone, risvegliando i vecchi incubi di Chernobyl. Poi passano le ore, i giorni, gli anni, e torniamo a dimenticare cosa la storia ci ha insegnato, perché la sete di denaro e gli interessi prevalicano la nostra salute e quella dei nostri figli.

Nucleare. Ne abbiamo le prove. Sappiamo che possiamo impegnarci quanto vogliamo a costruire una centrale perfetta, ma perfetta non sarà mai. Perché esiste l’errore umano (Chernobyl), perché esiste un destino a cui non possiamo sottrarci (Giappone). Perché, poi, siamo convinti che può essere la strada migliore per dissetare l’ingordigia di energia.

Oppure c’è dell’altro, sotto, da scavare. Perché decidere a favore de l nucleare non implica non essere più schiavi del petrolio. Non implica recidere il legame con i paesi del sud est asiatico. Implica spostare la nostra dipendenza dall’oro nero all’uranio. Significa rimanere impigliati in un’altra ragnatela politica ed economica invisibile, che molti politici tessono senza farci vedere. Nascondendoci altre realtà, come lo smaltimento di scorie radioattive. Un problema enorme, che andrebbe analizzato e risolto ancor prima di far passare dall’anticamera del cervello l’ipotesi di una centrale nucleare. E, soprattutto, non dovrebbe mai venire in mente a coloro che governano un paese che non è capace neppure a smaltire la spazzatura. Spazzatura che rappresenta l’oro, il petrolio e l’uranio della malavita, della mafia, di cosa nostra.

Questa è la verità. Prendiamo esempio da chi ci sta attorno. Prima si seguire come capre i politici, capiamo il problema. Infine, non poniamoci queste domande solo quando vediamo morire le persone.

Perché Chernobyl sembra lontana, nel tempo. Il Giappone sembra lontano, nello spazio. Eppure, se ci pensiamo, sono ogni ora sempre più vicini.

Il dolore dei nihonjin

E’ passato qualche giorno. Ore che servono per rendersi conto di ciò che è successo, per capire le proporzioni di un dramma che forse non ha precedenti. Non bastano le parole, non serve a nulla dire cosa si poteva e si può fare. Tutti lo sappiamo.

Vi lascio tre articoli da leggere, che mi hanno particolarmente colpito.

Minamisanriku

La sfida

L’abitudine al dolore.

E poi ci sono le centrali nucleari. Ma riparliamone fra qualche giorno, per adesso silenzio.

iFollia

Sapete che sono un appassionato di Apple. Inutile che vi stia a dire perché: mi piacciono i prodotti, sono piacevoli da usare, funzionano e trasformano l’incubo windows in un lontano ricordo. Tanto che possiedo in iPod, un iMac, un macbook, un macbook air, un iPhone e un iPad. Direi che sono al completo e, che ci crediate o no, li uso tutti sia per lavorare sia per cazzeggiare. L’iPod in palestra, l’iMac è il computer principale, il macbook è stato regalato, il macbook air quando sono in viaggio, iPhone per tutto, l’iPad per leggere, consultare news, email, internet a casa e fuori.

Questa è la mia piccola iFollia, ma c’è chi sta molto, molto peggio di me. In confronto sono un pivello.

Guardate il video sotto:

httpv://www.youtube.com/watch?v=hIZtBMUVT1g

La tipa si è messa in fila da mercoledì notte di fronte all’Apple store di New York, per poi vendere il suo posto a 900$. (posto che è stato poi acquistato).

Credo che sia imbattibile

Tagli alla cultura

Come sempre, qaundo c’è da tagliare la sanità e la cultura sono alle prime posizioni. Ecco un’altra spiacevole notizia, in merito al Festivaletteratura di Mantova, un evento a cui partecipai qualche anno fa, anche se solo come visitatore. Un festival che è uno dei più importanti in Italia, e che purtroppo finisce anche lui nella rete del taglia taglia.

Non servirà forse a nulla, ma qui c’è la possibilità di firmare un appello.

Compleanno

Giugno è un mese di compleanni.

Parliamo allora del primo compleanno, quello di oggi.

Era il 14 giugno 2006 quando ricevetti una telefonata dall’editor dell’Armando Curcio Editore, che mi chiedeva se ero interessato a pubblicare Estasia – Danny Martine e la Corona Incantata con la loro casa editrice.
Sono trascorsi 4 anni. Quasi 8 libri. Trame diverse, nuovi stili di scrittura, sfide sempre più ambiziose. Beh, speriamo che sia così anche nel futuro.

Compleanno = regali. Sotto trovate un video realizzato dalla… ElleEffe production, al secolo Fabio Labieni. Grazie mille!

Nel video due grossi spoiler:

  1. La copertina de L’Aurora delle Streghe, realizzata da Alberto dal Lago, che vi posterò domani in edizione integrale
  2. Il mese di uscita, titolo ed editore che pubblicherà il libro sugli angeli e demoni ambientato nelle Highlands scozzesi.

Donc, in realtà doveva andare un po’ diversamente. Avevo intenzione di far decidere a voi, tramite sondaggio, il titolo del libro. È stato un mese intenso, non sono riuscito a far nulla e, soprattutto, mi sono scordato che l’editore doveva mandare la scheda promozionale al distributore. Ergo, è andata così.

Peccato, sarà per la prossima volta, lo prometto.
Buona visione!