Torino e altro

Viaggio stressante come sempre alla volta del Salone del libro che, quest’anno, ho trovato un po’ sottotono. L’affluenza mi è sembrata un po’ sotto gli anni precedenti, non so se è stata una mia impressione.

Comunque, è sempre un evento da non perdere, per gli scrittori, editori e soprattutto i lettori. come sempre ho rivisto tante persone con le quali tenevo i contatti sopratutto via email. Infine, l’incontro con l’agente, per definire gli ultimi dettagli di un libro. Per chi fosse curioso di sapere chi sia, basta che visitiate le pagine di questo sito e lo troverete.

Per il resto, un ringraziamento a Valbe e consorte Valba per lo strappo all’aeroporto, e a tutti i lettori che ho incontrato.

Infine, un grazie speciale a Francesco, per la foto che mi ha mandato oggi per mail, la vedete a lato. Al centro, in mezzo ai dischi della signora Ciccone, un libro particolare 🙂

Buon inizio settimana!

5 Comments

  1. “Per chi fosse curioso di sapere chi sia (l’agente), basta che visitiate le pagine di questo sito e lo troverete.”

    Ok, sono in un periodo di bassa energia ed è più comoda la pappa pronta, ma non si tratterà di un’altra cerca come quelle per vincere i libri che mettevi in palio con i vari contest 😉 ?

    Per la tua impressione sull’essere sottono della fiera forse è dovuto al periodo di crisi, cha ha colpito tutti quanti

  2. @M.T. – Ma no, dai non è difficile. Prova su contatti 🙂

    Sì, forse la crisi, forse perché i poveri lettori devono pagare il prezzo per entrare in fiera e trovarsi a pagare libri a prezzo intero (perché gli stand costano l’ira di Dio e gli editori non si possono permettere chissà quali sconti).
    Insomma, a mio avviso la fiera resta un bell’happening, ma sempre meno vantaggioso per chi vuole solo comprare libri.

  3. trovato 🙂

    Una bella vetrina, un modo per dare visibilità e far conoscere libri e autori, un modo anche per avere uno scambio culturale, la fiera del libro; purtroppo gli handicap che hai evidenziato non sono cosa da poco.

  4. ….Di vibrisse……….di giuliomozzi. Come ho segnalato sta proponendo a un certo numero di autori critici e addetti al mestiere dieci domande su . Ovvero come tra quanti parlano e scrivono sul romanzo e la poesia nell Italia contemporanea si distingue chi e un critico da chi non e tale?.2.

Lascia un Commento sull'articolo: