Il finale di Muses

Forse è arrivato il momento di qualche chiarimento, visti i commenti, email ecc che mi arrivano sul finale di Muses.
Premessa: chi ha letto i miei libri passati sa bene che le ultime pagine non sono brodo allungato. C’è sempre da aspettarsi di tutto, anche un ribaltamento che rimette in discussione l’intero romanzo. E’ il mio modo di scrivere. E, come dico sempre, forse quando andrò in pensione scriverò un libro che finisce con i due protagonisti, mano per la mano al tramonto, che si sussurrano “vivremo per sempre felici e contenti”.
Non sono pessimista. Sono solo realista. Il finale di un romanzo è semplicemente la chiusura di una scena, di una porzione della vita dei protagonisti che sono andato a raccontare. E’ giusto che le trame si chiudano, forzatamente commerciale e irreale che tutto vada a posto.
Infine, tanto per chiarire, niente flash forward dopo una decina di anni per rassicurare il lettore sul totale happy ending (come il terribile finale di Harry Potter e, se vogliamo, pure di Hunger Games).
Motivo? Scrivo ciò che mi piacerebbe leggere. E a me non piace leggere quei finali.
Venendo al punto, qualche chiarimento sul finale di Muses, che come sapete avrà un seguito il prossimo anno. Spoiler, quindi non leggete se non avete finito il libro peché vi rovinereste la sorpresa.
[spoiler]Ovvio, non vi dirò chi ha sparato ad Alice, il volto che lei ha riconosciuto. Vi dico solo che non lo considero un colpo di scena in Muses 2. Spesso mi diverto sull’anti-colpo di scena. Già fatto in Prodigium 2, ricordate?
Allora, chiarimento sulla presunta morte di Alice. Qualcuno spara ad Alice. Alice ha letto Halo, il diario di Dolores, e rivive la scena in cui Ray è a casa con Sophie, aspettando con ansia una telefonata dall’ospedale dove si trova Alice in coma.
– Visto che Dolores è morta da un po’, sarebbe logico pensare che Sophie avesse ereditato il talento della Musa della Scrittura. Ray però sente il suo vagito, e comprende che ha acquisito il potere di Alice. quindi SUPPONE che Alice non ce l’abbia fatta. Lo suppone, appunto.
Le domande da farsi sarebbero tante. Perché Sophie ha ereditato il dono di Alice e non di sua madre, che fra l’altro era passata a miglior vita già da settimane? In tal caso chi è la nuova Musa della Scrittura? Alice è davvero morta oppure…?
A presto 🙂 [/spoiler]

15 Comments

  1. vorrei chiedere, alla fine del libro alice, prima di chiudere gli occhi, riesce a vedere la persona che le spara, magari è facile da intuire, ma io ancora ripensandoci, non capisco chi possa essere.

  2. Mi sono letto ora il post sul finale di Muses per non essere influenzato da eventuali chiarimenti.
    Sulla questione ho già espresso il parere per mail, tuttavia c’è un elemento da non trascurare sul fattore morte: tra le Muse c’era chi aveva il potere di guarire. Penso che questo sia un indizio da non dimenticare.

  3. [spoiler]Uhm allora secondo me, Alice non è morta ma….Rinata????
    Dai Francesco non ci puoi dire qualcos altro???? Ti prego :3
    Va bè allora secondo me è sato ian a sparare, perchè Dolores è morta, il “direttore dei Prigmatici è annegato…Rimane solo lui, a meno che non siano…Nooooooo noo puo essere che sia stata Lucie (o come si scrive) in fondo lei ha lavorato sempre (almeno credo) per dolores e se incolpasse Alice per la sua morte???
    Uffa quando uscirà il prossimo libro, LO VOGLIO SAPERE!!!!!…
    Ah e se Alice fosse ancora viva, sarebbe andata da Ray.
    xoxo Laura.

    P.s: ma se Alice fosse morta solo per un breve periodo??? tipo che morisse e dopo, che ne so, 20 minuti che la rianimano lei si rianima, potrebbe succedere che lei perde il potere della musa della musica ma aquisisce quello dellla scrittura, come uno scambio del destino?! Si forse è cosi o forse no… MI STO DEPRIMENDO UN PO TROPPO xD [/spoiler]

  4. uffa, tutta questa attesa mi sfinisce il mio piccolo cervello xD….va be, mi metterò a leggere altri libri, cosi da smorzare ben quasi 7 mesi, prima dell’uscita del libro xD.
    Non vedo l’ora 😀

  5. Ho letto tantissimi libri di cui mi sono completamente innamorata, ma devo dire che non avevo mai letto un finale così sconvolgente! Più o meno per tutti i libri che ho letto, un’idea su come potessero finire me l’ero fatta e anche se finivano con dei colpi di scena potevo immaginare cosa sarebbe potuto accadere dopo. Però Muses mi ha davvero colpita, sia perché è pieno di colpi di scena durante tutto il libro, sia per il bellissimo finale, che mi ha lasciata con il fiato sospeso come non mai!
    Sarò sincera, quando ho finito di leggerlo per i primi minuti ti ho quasi mandato a quel paese per aver finito il libro in questo modo, lasciandomi piena di domande! Ma la realtà è che è proprio questo il genere di finale che preferisco, quindi sono più che contenta che sia finito così 😀

    Volevo anche dire che sono d’accordo con te, non mi fanno impazzire gli “happy ending, con una chiusura chiara e palese” come hai detto tu, perché non lasciano spazio all’immaginazione e io, quando finisco una saga o un libro, voglio poter immaginare e fantasticare su ciò che accadrà dopo, non voglio che il libro mi dica già tutto senza lasciar spazio alla fantasia!

    Concludo questa immensa risposta dicendo che non vedo l’ora di leggere il seguito di Muses sperando che sia bello come il primo 😀

  6. Ciao Camilla! Grazie del tuo commento, sono felice che Muses ti sia piaciuto 🙂 Sì, i miei finali sono sempre un po’ particolari… Ci saranno tante sorprese nel sequel di Muses 🙂
    Ancora grazie a presto!

  7. Postato da: Alessandro CristofanelliSecondo me Ian. 😀 é un personaggio troppo importante per poter lasciare la scena così…
    Mi chiedo se anche lui non avesse dato una sbirciatina ad Halo.

    Postato da: Alessandro CristofanelliSecondo me Ian. 😀 é un personaggio troppo importante per poter lasciare la scena così…
    Mi chiedo se anche lui non avesse dato una sbirciatina ad Halo.

    Perfettamente d’accordo con te! Ian è la prima persona a cui ho pensato, ma devo dire che ho trovato Muses difficile da anticipare, quindi Muses 2 non sarà diverso immagino xD

Lascia un Commento sull'articolo: