Blog
Il Sito Ufficiale di Francesco Falconi

Multiversum – Patrignani

Sotto il cappello comunemente chiamato fantastico, esiste il genere fantasy che molti – in modo piuttosto ignorante nonché superficiale – riconducono a maghi, folletti e fate sfigate. Nascosto in un altro angolo di questo cappello si trova l’horror, che in pochi riconducono a un King ma più spesso alla tipica casa stregata dove fantasmi e bambine indemoniate uccidono in modo splatter tutti i nostri amati e sfigati protagonisti. Infine, tanto per chiudere il cerchio, c’è anche la fantascienza, che ovviamente implica astronavi zeppe di alieni superintelligenti pronti a colonizzare la terra (sfigata, ovviamente).

Definizioni anni ’80, non c’è che dire.

Il genere della fantascienza si è evoluto negli anni in una miriade di forme e sottogeneri. Il libro di Leonardo Patrignani, Multiversum, che esce proprio oggi in libreria, ne è un tipico esempio. Una fantascienza fresca, che commistiona più generi e si allontana dai modelli alla Dick/Asimov avvicinandosi a qualcosa di nuovo e più contemporaneo.

In Multiversum si parla di universi paralleli. Chi, come me ha amato Fringe & Inception & similia, non poteva lasciarselo sfuggire. Di cosa tratta il romanzo? Pochi cenni, evitando gli spoiler.

Alex e Jenny, un ragazzo di Milano e una ragazza che vive in Australia, da anni riescono a contattarsi con il pensiero, finché non decidono di incontrarsi. Ma, nel momento in cui stanno per darsi finalmente la mano, qualcosa si frappone fra di loro. Il nulla, una sottile linea impalpabile che separa le due dimensioni parallele in cui vivono.

Non vi svelo la trama , perché rappresenta il punti forti del romanzo. Vi consiglio di leggerlo, se il genere è nelle vostre corde, perché per me è stata una piacevole scoperta e lettura. Fresco lo stile, ottime le idee e geniale il finale.

Un buon esordio per Leonardo Patrignani. Buona lettura.

3 Commenti


  1. Leonardo Patrignani
    mar 28, 2012

    Per riprendere l’incipit del tuo articolo, caro Francesco, mi tolgo… il cappello!
    Grazie di cuore per le belle parole.
    LP


  2. Francesco Falconi
    mar 28, 2012

    In bocca al lupo Leonardo!

  3. [...] mai, sulle definizioni dei generi. Esistono ancora la fantascienza, l’horror, il thriller o, come suggerisce Francesco Falconi nel suo blog, si tratta di definizioni desuete, adatte alla narrativa degli anni 80 dello scorso secolo? [...]

Lascia una risposta


6 × = diciotto

Recent Instagram Photos:

Ho rischiato la vita.
Pasqua bagnata Pasqua sfigata.
Grazie al team Nokia :)
La cover di #Gray , il mio prossimo romanzo in uscita il 29 Aprile ;)
#Sole #piazzasangiovanni #ritardatari #odio #comepassareiltempo #noia
Venti secondi. — Non ti bastava più disegnarmi. Non volevi più solo vedermi. Mi volevi toccare di nuovo. Ricostruire il mio corpo con il gesso. — Tu vaneggi. Dorian si toglie la camicia. Immerge la mano nel gesso e poi se la passa sul collo, scende sul petto e sull’addome. Dieci. — Cosa diavolo stai facendo! — grida Basilio, incredulo. Dorian si avvicina. Gli prende una mano, la guida sul suo corpo. Basilio oppone prima resistenza, infine si lascia guidare. — Adesso non hai più bisogno di scolpirmi. Sono qui, Bas. Lui rimane a bocca aperta. È un istante, poi Dorian afferra il colletto della sua camicia, l’apre con violenza. I bottoni schizzano in aria e cadono a terra. Lo spinge. Basilio perde l’equilibrio, cade all’indietro sul letto. Zero. Il tempo è scaduto. Il demone è tornato. (#Gray 29/4/14)
Eppure a Mario Bros ero bravo :/ #helpme
— Il bianco indica la luce della fine dell’esistenza. Rappresenta il game over. L’assenza di punti di riferimento, il disorientamento. È sinonimo di paura, perché sul bianco si proiettano le ombre. Hai mai letto Cecità di Saramago? Enrico accusa il colpo, si ritrae, ma non si dà per vinto. — Nero. Cambiamo i pannelli sul proscenio e mettiamoli tutti neri. — Il nero cosmico. Il Big Bang. La rinascita. Il buio della scienza che oscura la luce della fede religiosa. Il terrore dell’ignoto. La perdita di confini. — Quindi va bene il nero? — Quindi va bene la perfezione. Cioè il grigio.
Da quanto tempo non firmavo un Estasia :)
Ore 17.30 #pizzalibri con Marco di Giuseppe, Simone Lari, Dianora tinti,
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: