Lucky Star

Il mondo è strano. Il destino, le scelte, le coincidenze. A volte mi capita di pensarci su. Dei bivi  inaspettati, pochi secondi in cui devi scegliere la tua strada. Spesso mi capita di aver pensato cosa sarebbe successo se fossi arrivato qualche secondo dopo, se non avessi colto quell’imprevedibile sliding door. Dove sarei oggi? In quale città? Quale lavoro? Se non avessi rispolverato quel vecchio manoscritto, non si sarebbe mai riaccesa la scintilla della passione per la scrittura? Lo ammetto senza voler peccare di modestia: non sono nessuno, sono uno come tanti. Uno che prova a scrivere, che tenta di imparare questo "mestiere" non senza difficoltà. Ma forse non avere tutte le porte spalancate, scovare la giusta chiave passo dopo passo, è un modo per assaporare la bellezza della vera conquista. Meglio un rimpianto o un rimorso? Per me è sempre stato così, non voglio un giorno guardarmi indietro e pentirmi per non aver fatto quel passo, per non averci provato.
Ma non importa. Mi farò le ossa e continuerò a camminare per la mia strada. A volte mi guardo attorno, e sorrido. E’ sufficiente una goccia di talento in un mare di ambizione?
Chissà, può darsi. Il mondo dello star system ce lo dimostra. Il mondo dei reality ci illude. Siamo tutti piccole stelle, piccole stelle fortunate. Ma la notte è infinita, ed è pronta a spegnere la nostra luce, inghiottendoci nella sua atona oscurità.
Non serve farsi mille domande. Basta vivere il nostro giorno con un sorriso. Ridere di noi, ridere di ciò che ci circonda Prendere la vita con ironia. Sempre.
Quindi, voglio strapparvi un piccolo sorriso, ecco a voi una vera Lucky Star dei nostri giorni, nella sua più vera – e triste – verità. Ridiamoci su, senza troppe pretese.



16 Comments

  1. Ecco la spiegazione… dimenticavo… Presa diretta dal microfono della Lucky Star mentre in diffusione andava il playback.

    vi dico che Virgola è scappata sotto il letto…

  2. Post un pò malinconico, ingiustificatamente malinconico direi.

    E poi tu non “provi” a scrivere, tu scrivi.

    Sei uno scrittore ed hai talento, fattene una ragione 😛

  3. E la mia Giuggiola si è nascosta dentro le sue coperte… ^^’

    Senza parole.. non riuscivo a smettere di ridere. Cos’aveva al posto delle corde vocali?!?

    Sospettavo che fosse tutta una montatura, ma arrivare a questo punto. E’ proprio ridicola.

    Passa dal blog, ogni tanto :p

    Bacio.

  4. Anche io posso fare la cantante!!!

    Mi manca solo il fisico, a quanto pare, perchè a voce ci sono.

    Per quanto riguarda le stelle, ognuno di noi deve trovare un modo per averne una nella sua vita. Poco importa se è piccola e la vediamo brillare solo noi.

    Questo è ciò che ci insegna Britney in questo video. LOL

  5. ….io il video nemmeno lo guardo…sto sentendo la canzone della storia infinita…e non la stoppo di certo per sentire la Spears XD

    X-Bye

  6. La Spears è solo fortunata ma non ha vero talento, del resto con quella voce da paperino che si ritrova già sull’inciso…

    Poi ci sono ragazze con una voce strepitosa che non saranno mai nessuno, la vita è ingiusta punto.

    Altro discorso è il tuo, non credo che tu faccia lo scrittore in playback 😉

  7. Ok fabb, ti capisco, sono mezzo tronco pure io, ma stavolta non l’ho detto. Naeel mi avrebbe fatto a pezzi, lo sai, è crudelissima…

  8. E’ bello quello che hai scritto…mi piacciono le stelle! 🙂

    siamo tutte stelle, piccole ma luminose…solo che a volte ci sono stelle che non sanno di poter brillare, e altre che credono di brillare troppo.

    Ognuno deve imparare a sfruttare le sue possibilità, accettando si i propri limiti ma riconoscendosi anche i giusti meriti.

    E se anche un giorno l’oscurità dovesse inghiottirci…beh poco importa.

    l’importante è lasciare un segno del nostro passaggio, chi saprà “vedere” non lo dimenticherà.

    Tu il tuo passo avanti l’hai fatto… hai dato voce a ciò che hai dentro, e vada come vada, l’eco rimarrà inevitabilmente.

    Un’ultima cosa…rimorsi o rimpianti…è difficile ma credo che sia meglio non avere rimpianti…”non pentirti mai di ciò che hai fatto se mentre lo facevi eri felice”.

    A presto!

    FdL

  9. Dio, ma quanto canta male!!! Povera Brit, è uno stupro ai timpani e c’ha un fiatone che manco avesse scalato l’Everest…

    Sul post, io sono sempre più fiducioso per gli scrittori italiani. Adesso non vedo l’ora che esca E2, così me li leggo tutti e 2 senza pause! Buona serata. 🙂

  10. O_O

    Senza parole…. povera Britney!!

    Danny, tu hai un sogno che si chiama Estasia. Lo vivi e lo senti in te ogni giorno, lo nutri e lo coccoli perchè è la parte più vera di te.

    Bhè, non è mica una cosa da tutti, questa. E’ un dono che non tutti hanno.

    C’è gente che forse vivrà una vita intera senza mai sapere che cosa vuol dire _vivere_ con lo scopo di realizzare un sogno, c’è gente che invece vivrà ma che non riconoscerà mai un’opportunità quando si paleserà.

    Un pò di sana umiltà fa sempre bene, ma solo un pò, eh. Il resto deve essere un’utile, ma implacabile, determinazione.

    -mirtilla

  11. ok io mi prendo il ruolo della notte: infinita e atona. mi piace, fa risaltare me e voi, stelline mie. ma attenti perché al minimo tremolio vi inghiottirò e dopo avervi inghiottito, piccole lucine vibranti, emetterò una nota, una sola nota di liberazione, così anche io atona e oscura avrò il mio momento di suono e voi vi ricorderete di me e brillerete di disperazione…

    la luce e l’oscurità non sono poi complementari?

    p.s. il video è squallido. è squallida lei a ingannare i suoi fans, sono squallidi i suoi fans che accecati le regalano i soldi facendosi ingannare. per quelli invece che sono coscienti del barbatrucco: no comment!

  12. Grazie FDL per l’incoraggiamento!

    X Stefano: buona lettura allora 😉

    X Mirtilla: vero, è difficile realizzare i proprio sogni. Su questo hai completa ragione.

    X Naeel: ecco, ora ti riconosco 😉

  13. Massì, quest’anno sto facendo una ricaduta dietro l’altra! Non vedo l’ora che ci sia il disgelo…

    Ah ma tanto poi arriva il brusco cambio di stagione, che mi fotte ugualmente!

    Boh, finirò di comprare kleenex quest’estate, già lo so…

    Fab

  14. In casa mia siamo passati al maxirotolo di carta da cucina, ai pacchi da 100 fazzoletti (almeno due aperti, sparsi nei punti tattici di passaggio), col freddo, col caldo, con la mezza stagione.

    🙁

Lascia un Commento sull'articolo: