Deliriandia degli acciacchi fisici (e non mentali)

Eccomi qua. Rotto e fracassato a scrivere un nuovo post. Ma dovranno segarmi le mani per impedirmi di scrivere. E anche in tal caso ci sono i programmi di riconoscimento vocale. Quindi mani e lingua, caro destino, o io continuo a scrivere post sul blog e libri a rotta di collo (ok, battuta estremamente infelice, nel mio caso).

O vediamo chi la vince, miseriaccia.

Bene, la lezione è servita, ero convinto di tornare a lavoro in settimana. Ho sempre il vago sentore di essere un superman e che il mio corpo sia invincibile. Su questo devo rivedere le mie posizioni, a quanto pare mi rompo anch’io. Sapete, ai miei 22 anni (da 8) non sono più in garanzia.

14 gg di degenza se voglio che le auliche chiappe non mi facciano male e che il collo non si afflosci come quello di una giraffa. Cacchio, ho tanto tempo. Mai avuto così tanto in vita mia. Credo che mi sfogherò una cifra su Profiel e le idee (tutte malefiche per adesso) su E3. Spero solo non diventi un lapidario, per quello già ci sta pensando Licia nelle sue Guerre.

Anyway, ieri ho ricevuto una bella email da Gianni La Corte. Con complimenti e critiche. Ma sono felice perchè, andando avanti con il tempo, noto sempre più che le critiche si addensano sui soliti 4-5 punti. Del resto potete leggere una recensione con i fiocchi, che analizza i punti deboli e forti di Estasia [LINK RECENSIONE], dalla mano creativa e critica di Luca Azzolini.

E leggere le note negative sul mio primo libro mi stimola senza dubbio a non ripetere gli errori in futuro. Ma la cosa che mi ha fatto più piacere sulla rece di Gianni è l’aver citato una frase a cui ero particolarmente affezionato. Beh, comprendo che voi non siete nella mente perversa dello scrittore, ma capite bene che quando un lettore punta il dito su un pargolo che ha avuto una lunga gestazione, ne sono estremamente soddisfatto.

Il passo in questione è il dialogo finale tra Danny e Disperio.

"Sai qual è la più grande differenza tra il bene e il male? Che il Bene è facilmente corruttibile, il Male al massimo può esitare nel rimorso. E’ come il colore bianco, basta una piccola aggiunta di qualsiasi tintura e l’hai subito perso. Prova a schiarire il Nero e vedrai che sarà molto, molto più difficile…"

Grazie Gianni.

Gut, visto che siete abituati a leggere questo blog e trovare argomenti estremamente aulici (del tipo il celebre aforisma “Nvedidannaffanculo”), vi lascio due EstasiArt by Mario Labieni, che erano cadute tra le mail dimenticate. Ich bin droevig Mario. Vi lascio sfogare sulla prima, so che vi divertirete. Nella seconda c’è mezzo caffè, e sono felice di postarla. Insomma secondo voi, la mente perversa di Mario mi sta suggerendo di dimagrire e farmi i peli? Ufs.

64 Comments

  1. danny: era l’ultima copia, lo afferrato spietatamente! 🙂

    spero anch’io che estasia non mi concilii il sonno, ma con la stanchezza che mi ritrovo…

    io sono di giulianova ridente 🙂 cittadina sulla costa adriatica abruzzese (30 km a nord di pescara) i prossimi spettacoli: 26-04 popoli (AQ) data da confermare

    25-05 Roseto degli abruzzi

    giugno: vola-vola ecofestival roseto

    e un altro paio di posticini che non so ancora

  2. si abbiamo fatto un dvd ma poi abbiamo modificato diverse cose siamo ancora acting in progress. figurati se gli do il permesso di metterlo su youtube!!!

  3. @ naeel:

    credo che lo userei solo come arma..magari ci faccio un pensierino! ma per ora resto col mio coltellino svizzero e le mie unghiette!!

  4. Ciau a tutti,

    torno a scrivere dopo un bel tempo di assenza, caua esami…

    cmq l’esame è passato nel migliore dei modi e ora torno a scrivere XD (Non che qualcuno s ene freghi)

    Ho notato che nall’imm a destra creata da Fabio ci sn anch’io… simpatica!!

    Francesco sfrutta questi giorni per scrivere il più possibile in special modo estasia 3… così nn dovremmo aspettare molto dopo aver letto il secondo.

    Ciau e a presto

    Ciro

  5. Ciao Ciro,

    beh sì in effetti ci chiedevamo che fine avevi fatto, era un po’ che non scrivevi! Vabbè tempo di esami, capisco come ci si sente stressati. Sì, ne approfitto per la scrittura. Oggi ho concluso la prima parte di Profiel. Per E3 sto buttando giù un po’ di idee, ma ho bisogno di un periodo di distaccamento per creare qualcosa di sensato. Quindi, inizierò dopo l’estate, credo.

Lascia un Commento sull'articolo: